friendica.laboccadellupo.it

Smart speaker

Ecco, questo termine ancora mi mancava, ma grazie ad una entusiasta del terminale di Google ho approfondito e ho scoperto il loro termine commerciale. Smart... diciamo che le aziende produttrici lo sono di più, soprattutto Amazon.

Comunque, ho fatto una ricerchina breve breve e ho scoperto che Alexa e quello di Google sono solo un paio. Sulla pagina di Wikipedia dedicata all'argomento ne ho trovati un tredici, di cui una discreta fetta cinesi. Chissà il business col governo di Pechino. Allora, da nerd, mi sono soffermato. Eccheccazzo, dico io, e qualcosa da nerd, per nerd, in nerd non c'è? Ed ecco che grazie alla pape-papera che si muove (https://duckduckgo.com/?q=open+source+smart+speaker&t=ffab&atb=v147-2__&ia=web) ho scoperto l'esistenza di almeno un paio di progetti: Volareo (https://volareo.live/) e Mycroft Mark II (https://www.alphr.com/speakers/1008420/mycroft-kickstarter-open-source-smart-speaker). Del primo non ho capito quanto sia etero, del secondo che è nato prima di tutti ed è stato finanziato dal basso. Ora, non che mi serva, però l'idea di uno stronzetto digitale che lo tiri in causa solo pronunciando il suo nome ad alta voce mi ha sempre attirato. In realtà, vorrei farlo, but no-tiiiiime!

Segnalo solo un'ultima cosa, una collezione di brevetti orwelliani, ma che non ci devono assolutamente indurre a pensare che potremmo essere sotto costante interessamento mercantizio. Voglio un cell senza Merdroid! Con il mio Linuxino sigh! sob! sob! https://www.consumerwatchdog.org/sites/default/files/2017-12/Digital%20Assistants%20and%20Privacy_0.pdf